Astronomia, Fumetti, Recensioni

C’è Spazio per tutti – Recensione e intervista all’autore Leo Ortolani

Leonardo Ortolani, “C’è spazio per tutti”, Panini Comics, pp. 264, 24 €  


Spazio, ultima frontiera. Eccovi i viaggi dell’astronave Enterprise durante la sua missione quinquennale, diretta all’esplorazione di nuovi mondi, alla ricerca di altre forme di vita e di civiltà,fino ad arrivare laddove nessun uomo è mai giunto prima.

(Capitano James Tiberius Kirk, Star Trek)


“Chi non vorrebbe andare nello spazio? Chi di noi non ha mai sognato di fare l’astronauta?”: deve essersi chiesto questo, Leo Ortolani, quando ha iniziato a scrivere questo corposo fumetto di oltre 250 pagine. Per rispondere, ha scelto due personaggi decisamente agli antipodi quali l’astronauta Paolo Nespoli (qui chiamato Rover) e RatMan: nel fumetto, mandare in orbita il supereroe più pasticcione di sempre è un tentativo per ridestare la curiosità dell’opinione pubblica nei confronti della ricerca spaziale e Rover, esperto astronauta, deve limitarsi ad accompagnare Rat-Man e la cagnetta Laikavirgin dalla Terra alla Stazione Spaziale Internazionale e ritorno. Purtroppo, come sappiamo, con Rat-Man le cose non sono mai davvero semplici…

Alle avventure di questo improbabile terzetto si alternano episodi della Storia dell’esplorazione spaziale, raccontati da Ortolani con il suo proverbiale umorismo – già al servizio della scienza nel progetto Comics And Science: il risultato è un’opera dal grandissimo valore divulgativo, spassosa e coinvolgente. Oltre agli omaggi al fumetto americano tanto amato da Leo Ortolani, dalla genesi de “I Fantastici Quattro” alle classiche strutture “galattiche” tipiche di autori come Jack Kirby, non mancano le citazioni da film, fumetti, manga e altre opere letterarie di fantascienza, perfettamente inserite nel contesto e capaci di strappare più di una risata.

“C’è spazio per tutti” è un fumetto completo, emozionante e a tratti commovente (complici le spettacolari splash page), capace di portare il lettore a circa 400 km dalla superficie terrestre e farlo guardare allo spazio con rinnovata curiosità e speranza nel futuro. L’opera è adatta ai lettori di ogni età: i più grandi ripercorreranno con malinconia i “grandi passi dell’umanità” mentre i più giovani potranno imparare divertendosi e, chissà, iniziare a sognare di diventare astronauti a loro volta…

Concludiamo con una piccola curiosità: attualmente Paolo Nespoli, il co-protagonista dell’opera, si trova proprio sulla Stazione Spaziale Internazionale e ha portato con sé una copia dell’anteprima del fumetto. Insomma, alla fine, “Rat-Man” è andato davvero nello spazio! (video

Fletto i Muscoli e sono nello Spazio. 

#ZeuSuggerisce

Qui di seguito inoltre il video della nostra intervista a Leo realizzata durante la presentazione del volume alla libreria La Feltrinelli di Genova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *